Finalmente una legge contro gli sprechi alimentari

Anche l’Italia avrà una legge contro gli sprechi alimentari. Approda infatti domani alla Camera la proposta di legge antispreco sostenuta dalle associazioni e presentata dalla deputata del Pd Maria Chiara Gadda. Il voto – forte di un sostegno bipartisan già manifestato in Commissione Affari Sociali – è previsto tra martedì e mercoledì, poi il testo passerà al Senato. Obiettivo della nuova norma è favorire l’uso consapevole delle risorse e il recupero di prodotti ancora utilizzabili da parte delle associazioni di volontariato, sburocratizzando le procedure per la raccolta e la donazione non solo di cibo ma anche di farmaci.

c'è poco da ridere

c’è poco da ridere

Incentivi per chi dona. “Rispetto alla legge francese che si basa sulla penalizzazione, quella italiana punta sugli incentivi e sulla semplificazione burocratica – spiega Gadda – e permette di superare le difficoltà che molti donatori incontrano. Ad esempio oggi un qualsiasi soggetto economico (impresa, ristorante, supermercato ecc.) che voglia donare eccedenze alimentari deve fare una dichiarazione preventiva cinque giorni prima della donazione. La nuova legge prevede invece una dichiarazione consuntiva a fine mese. Come a dire: tu dona. Poi alla fine del mese mi riepiloghi, garantendomi la tracciabilità di ciò che hai donato. E allora, ad esempio, il supermercato presenterà il documento di trasporto e il panettiere gli scontrini, dai quali potrà scaricarsi l’Iva. Punire chi spreca serve a poco, la cosa importante da capire è che gli alimenti recuperati non sono rifiuti, ma il prolungamento del cibo buono. E questa legge lo dice chiaramente, perché si fonda sul concetto di dono”.

Romano Pisciotti:  ” …era ora !!!! ” Un buon uso delle risorse in genere e la lotta agli sprechi,  posso essere per le aziende una ottima forma di marketing.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *